GIOVEDÌ 14 DICEMBRE 2017 ORE 18:00

DUCCIO DEMETRIO
PRESENTA

LA VITA SI CERCA DENTRO DI SÈ




* * *
Seguirà un aperitivo



Raccontarsi per rileggere la propria esistenza alla luce di una nuova prospettiva. Duccio Demetrio, filosofo dell’educazione  e fondatore della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, ci mostra in questo libro come intraprendere un percorso di autoformazione coraggioso e creativo. Nella prima parte discute da un punto di vista teorico l’approccio autobiografico come fonte di formazione di sé e come modalità per un’interpretazione simbolica della propria vita. Nella seconda parte vengono presentate le parole che compongono il lessico autobiografico”, un insieme di termini che rinviano al lavoro di auto narrazione. È dunque questo un libro sul senso dello scrivere personale in grado di orientare il lettore verso i passaggi tematici e gli snodi esistenziali indispensabili per apprendere una scrittura autobiografica non superficiale o banale.
Perché, come sostiene Demetrio, “il bisogno di raccontarsi è una costante della nostra esistenza. Arriva il momento in cui raccontare la propria storia diventa una necessità. Non si tratta solo di affidare le proprie memorie a un foglio di carta o a una pagina elettronica; scrivere di noi e della nostra vita passata sollecita una maturazione interiore”.



DUCCIO DEMETRIO 

A lungo professore di Filosofia dell’Educazione all’Università degli Studi Milano Bicocca, è fondatore della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari e di Accademia del silenzio. È inoltre Direttore scientifico del Centro Nazionale di Ricerche e Studi Autobiografici. Autore di oltre cinquanta titoli dedicati alla formazione e alla condizione adulta, alla filosofia del corso della vita, della scrittura e della narrazione. Tra le sue opere più note: Raccontarsi (1996), Filosofia del camminare (2005), La vita schiva (2007), La scrittura clinica (2008), Ascetismo metropolitano (2009), Di che giardino sei (2016), Ingratitudine (2016).


sponsor



Con il patrocinio del Comune di Modena