Sabato 22 marzo 2014 alle 17:20




DARK CITY

di

con colonna sonora live


Claudio Gavioli conversa con l’autore del romanzo Dark City, edizioni Solfanelli, di genere noir/distopico. Verranno eseguiti dal vivo alcuni brani tratti dalla "colonna sonora" del libro. Letture di estratti dell’attore Ermanno Casari.

* * *

Questo romanzo è figlio del primo decennio del terzo millennio, quel periodo che inizia simbolicamente con l’11 settembre 2001 e termina con la morte di bin Laden e la primavera araba nel 2011. Non solo perché è ambientato in un futuro prossimo venturo che è il possibile sviluppo distopico di quel decennio incentrato sullo scontro tra civiltà e sull’erosione della democrazia in Occidente, ma anche perché esso è stato scritto ‘in divenire’ lungo quel lasso temporale; gli eventi reali sono stati in tempo reale gli ispiratori della trama del romanzo almeno tanto quanto la fantasia dell’autore. La realtà entrava dalla porta principale senza suonare il campanello e si mischiava con il privato dell’autore che si è trovato in quegli anni, anche fisicamente, nei luoghi in cui è ambientata la storia, dalla propria città natale, l’Emilipolis del romanzo, alle altre location, all’interno e oltre confine, di Euroamerica. Quale autore, io ho messo a disposizione della storia i generi letterari, il cinema, la musica e l’arte che amo per fornire una forma espressiva alla vicenda, creando un genere da questo cross-over di generi. Involontariamente, mi sovviene ora, ho quindi usato l’idea di T. S. Eliot che la poesia – la produzione letteraria in generale – ri-usa, integra e al tempo stesso rinnova l’arte del passato e la letteratura diviene così un continuum. Ho la presunzione di pensare che Raymond Chandler, George Orwell e Philip K. Dick, tra gli altri, ne sarebbero stati almeno un po’ orgogliosi.