MARIO VAROTTO

Mario Varotto inizia il suo percorso artistico a Padova sperimentando da subito sovrapposizioni di linguaggi paralleli tra musica e arti visive.

Spazia attraverso varie tecniche, dal disegno grafico ad oli su tela e tavola, smalti, chine, cere, acrilici, abbinando stratificazioni, fusioni, salificazioni su plastiche, stoffe, ferro, foto.

Approda successivamente ad un figurativo metaforico, tramite volti ed espressioni provocatorie, sviluppando tematiche incisive e del tutto personali.

Prende parte a numerose mostre e installazioni esponendo in gallerie, musei e principali fiere di Arte contemporanea.

Artista dal temperamento intenso, racconta, attraverso una lettura simbolica, l'appuntamento con la realtà futura, testimoniando l'invisibile trasformazione di un’epoca umana.

Una pittura emblematica che si rivela indagante conducendoci in un mondo concettuale, espressione di complessità visionaria dell'Arte contemporanea.

le sue opere sono presenti in varie collezioni private e acquisizioni museali.