ERMANNO VANNI

Nato a Modena il 18 giugno 1930, diplomato all'Istituto d'Arte A.Venturi nel '47, frequenta giovanissimo studi di grandi maestri quali Sironi e Carrà. Sarà quest'ultimo a riporre in lui particolare stima e fiducia. Nel ’54, '55, '56 è in evidenza e selezionato in premi: "Triennale Giovanile di Roma”, "Marzotto", “F.P.Michetti", "Biennali Milanesi alla Permanente", "Avezzano", "Premi Cesenatico", ecc. Nel '57 vince 23 premi in estemporanee provinciali, regionali e nazionali. Approda a Milano dove tiene la sua prima importante personale alla Galleria L'Annunciata, diretta da Bruno Grossetti, presentato da Mario Fin e tenuto a battesimo dallo stesso Carrà. Nel 1958 si lega alla Galleria "La Fontanella" diretta da Aedo Galvani a Roma dove si stabilisce per 15 anni.
Nel 1964 la RAI gli dedica un ampio servizio nella prestigiosa trasmissione culturale televisiva “L’Approdo". Nel 1965 gli viene conferita in Campidoglio la medaglia d'oro dal Presidente del Consiglio per la migliore esposizione a Via Margutta. Una sua opera raffigurante la Crocifissione e Via Crucis è conservata nella Pinacoteca d'Arte Moderna in Vaticano. Nel 1971 con la morte del suo esclusivista si ritira a Levizzano Rangone (MO) quasi in un volontario eremitaggio. Muore nel suo studio di Maranello il 07 settembre 2011.